martedì 20 giugno 2006

Osvaldo Coluccino


tre poesie di Osvaldo Coluccino, tra i più significativi compositori contemporanei, tratte da Appuntamento (Anterem 2001)











NATURA MORTA

II limite del caldo e degli abbandoni, che fa trasudare
leggermente i lineamenti ricordati. Ti sei precipitata nelle
dimore rifinibili da un'aria di spazio. Si sta per regalare
lo sfacelo dei safari a una domatrice effusa dal tavolo
aperto.



IL POSTO LIBERO

Destando un carnato essenziale, e sul manto che sfu­ma
in cicli di pergola, slacciatevi docili. O cuore, che moduli
dal loro antico rapimento, resti, ma solo tu o la malinconia
in vaghe vampe succeduta. Perché un nudo a fianco dovrebbe
stupirsi del paesaggio che dietro gli sprofonda, curarsi
del fuscello esiliato ai suoi piedi, vol­tarsi
sullo sguardo che non gli crede se del centro
s'è sguarnito un tripudio?

MARTA

Odi come ti raccoglie in Marta...

Odi dalle ante ovunque spopolarsi
Una scorta splendida e risalirti
Le rughe delle labbra!

Ma l'avresti creduto,
Quando ne laceravi i gambi,
Soddisfarti qui della stessa gemma
Consuetudine di tediosa estate?

Il tordo geme sul portale
Mastice della tua matrigna,
Sottacendo, rimpiazzato il campo
Con livoroso sangue,
II gracchio che vorrebbe straviziare.

19 commenti:

  1. bravo questo tuo amico Osvaldo. non è che verrebbe a discutersi o a discutere in poesiaespirito?
    buona giornata, Ste':-)
    fabry

    RispondiElimina
  2. Osvaldo è un tipo riservato. mi sa di no, però se vuoi puoi chiederglielo.

    RispondiElimina
  3. se è riservato, mi riservo di pensarci. non vorrei mi riservasse brutte sorprese:-)

    RispondiElimina
  4. però ti ha concesso di postare alcune sue poesie sul tuo blog :)

    RispondiElimina
  5. preziosa, direi, con qualche accento liberty, mi pare.

    RispondiElimina
  6. il gracchio! chi è il gracchio? :D

    genio di mozart, qui si parla di musica ;)

    RispondiElimina
  7. de mauro:
    gràc|chio
    s.m.
    TS ornit.com., uccello (Pyrrocorax graculus) con becco giallo, piumaggio nero e zampe rosse, diffuso in Europa e in Asia

    RispondiElimina
  8. il gracchio gracchia e il merlo merla

    RispondiElimina
  9. ho capito perfettamente,e, nonostante tutto, sono belle poesie

    RispondiElimina
  10. un saluto gugl, in un momento un po' così...

    RispondiElimina
  11. cara rita, mi sa che è il caldo perché sento un sacco di persone nervose in giro e tendenzialmente depresse.

    verranno le ferie?

    se hai voglia, scrivimi qualche riga in privato

    RispondiElimina
  12. è il caldo! qui quelli che si buttano dal ponte lo fanno sempre in estate. giuro! mai sentito di uno che s'è buttato d'inverno. ci fu un agosto che del mio ufficio se ne buttarono due. impressiona? è vero. ciao gugl. a.

    RispondiElimina
  13. impressiona, sì. è importante rimanere ancora impressionati per questi fatti: ci distingue dai sassi.

    anche da noi succede così. ci sono dei ponti prediletti, superprotetti dalle reti, ora.

    RispondiElimina
  14. il "SOLE" è sparito all'improvviso
    lasciandomi la passione per la poesia

    RispondiElimina