lunedì 5 giugno 2006

varianti d'autore


Valerio Magrelli (da Ora serrata retinae, Feltrinelli 1980)
Varianti di Il corpo è chiuso...

Manoscritto: Pozzo verticale (in quaderno VII, p.43)
(i segni grafici sono presenti nel manoscritto)

Splendido l’occhio.
Questo è il mio segreto.
Il corpo è chiuso come una muraglia,
è [anzi] un pozzo [in cui non penetra luce]
[gettato in sé] immerso nella carne.
Né potrei dare al ginocchio l’impressione
di sé: giace muto, nell’incavo [della
carne] che gli offre il giaciglio.
Ma nella testa, per un inaudito
malinteso, s’apre l’alba del mondo.
[La carne] l’osso si allarga e accoglie
dentro sé lo sguardo:
[tutto l’essere] membra [ne è fecondato
e ne rabbrividiscono
così pazientemente] Dolcemente
si compie nella testa [lungo
il tempo] / il paziente travaso del[la]
vedere / acquedotto di chiarore
strada che porta l’essere a se stesso.
E nella [radura] [nudità] radura
della fronte
[l’arco] il portale del ciglio ha
la sua (luce)


Il corpo è chiuso (AA. VV., Quaderno collettivo, Guanda 1979)

Splendido l’occhio.
Questo è il suo segreto.
Il corpo è chiuso come una muraglia,
è un parco immerso nella carne.
Né potrei dare al ginocchio l’impressione
di sé: giace muto, nell’incavo
che gli offre il giaciglio.
Ma nella testa, per un inaudito malinteso,
s’apre l’alba al mondo.
L’osso si allarga e accoglie dentro sé lo sguardo.
Dolcemente si compie
Il paziente travaso del vedere,
acquedotto di chiarore, strada
che porta l’essere a se stesso.
E nella radura della fronte
il portale del ciglio ha la sua luce.




Versione definitiva di:
Il corpo è chiuso... (senza titolo)

Il corpo è chiuso come una muraglia,
è come un pozzo immerso nella carne
che non giunge ad avereimpressione di sé.
E le sue membra stanno
mute e cieco e fermo
nella gamba riposa il ginocchio.
Ma nella testa s’apre
l’alba del mondo:
l’osso si allarga, accoglie
dentro di sé lo sguardo.
Dolcemente si compie
il paziente travaso del vedere,
acquedotto di chiarore, strada
che porta l’essere a se stesso.
E nella radura della fronte
il portale del ciglio ha la sua luce.

29 commenti:

  1. torniamo a parlare di poesia:-)))

    RispondiElimina
  2. se non ricordo male, stefano c'è il sito di un università scozzese che si occupa di poesia italiana e mostra con singolari procedimenti informatici (e di natura simile) le varianti di alcuni testi della poesia contemporanea italiana. Ti risulta?

    RispondiElimina
  3. Incomincio a leggere cose "difficili" per la mia umile provenienza...
    Bentornato.

    RispondiElimina
  4. ricordi bene, Voc. questo l'ho salvato qualche mese fa, quando ho fatto una lezione su Magrelli nel circolo culturale Artemis, di vicenza.

    Rita: ogni tanto devo accontentare i sapientoni:-)

    RispondiElimina
  5. quindi ti sei servito anche del sito di cui stavo parlando?

    devo comprare la sua nuova raccolta...

    RispondiElimina
  6. beh, magrelli è sempre magrelli, anche se le sue poesie anni 80, mi paiono le migliori.

    RispondiElimina
  7. mah, ora dico una fesseria delle mie, secondo me magrelli
    Splendido l’occhio.
    Questo è il suo segreto.
    lo doveva lasciare :-) ciao ciao

    RispondiElimina
  8. ah, lo sai che il mio secondo posto poi è diventato terzo e non si è capito perchè ma all'improvviso siamo scesi tutti di un posto perchè al primo posto hanno messo un certo eliopagliarani?conTutte le poesie "

    RispondiElimina
  9. eliopagliarani? mai sentito nominare:-))))

    RispondiElimina
  10. eh sì, eppure lui al primo e io solo al terzo :-)))

    RispondiElimina
  11. Ste', mi fai ricordare il grande Gianfranco Contini...

    RispondiElimina
  12. Trovo affascinante il percorso creativo di una poesia che per progressioni e aggiustamenti si avvicina al testo definitivo.
    Trovo incredibile che nel sonno di stanotte abbia sognato confusamente di scrivere una poesia che nell'incipit aveva "occhio" nella parte centrale il richiamo d'assonanza "ginocchio" e in un punto imprecisato seguente "ossa" (non osso). Le coincidenze, le suggestioni e queste sensazionali sensitive! :)

    RispondiElimina
  13. però poi occhio l'ha levato, gli sarà sembrato troppo scontato. anche ranocchio ci stava bene :-))

    RispondiElimina
  14. ma tanto io non ricordo com'è finita nel sogno :)

    RispondiElimina
  15. fabry: Contini: che testa!!!

    Anto: occhio per ranocchio, dente perdente, naso a caso: "pimpidìn, poesie per bambini": una vecchia antologia anni settanta. ciao vulcanica-mente:-)

    Ombra, lo sai che io e te "sentiamo" che è un piacere:-))))
    il sogno sarà finito bene, a tarallucci e vino.

    RispondiElimina
  16. divento sordooooooooooooooooooooooooooooo però ci sento :)

    RispondiElimina
  17. sai genio anche secondo me "splendido l'occhio lo doveva lasciare"
    è un avvio di grande forza ed effetto.

    a proposito di sordi, anche orecchio ci stava e ranocchio e picchio, papocchio, secchio, mucchio, auricchio, verdicchio e tarallucci e vino :)

    RispondiElimina
  18. anche finocchio ci stava bene ma non l'ho voluto dire per rispetto al poeta :-)

    RispondiElimina
  19. anche pidocchio ci stava bene ma non l'ho voluto dire per ossequio al capello

    RispondiElimina
  20. care paperocchie, ci stava tanta rima, volendo, ma serviva?

    Voc, l'eco nell'emisfero australe: oooooooooooooodros:-)

    RispondiElimina
  21. io avrei voluto dire anche pinocchio ma non l'ho detto per rispetto al naso
    ma forse magrelli ha tolto l'occhio per non indurci in tentazione :-)

    sei forte ombruccia :-)

    RispondiElimina
  22. sì, stefano, ma voglio vedere anche l'acqua che gira nell'altro senso...

    RispondiElimina
  23. ottimo stefano...

    ehm :-|

    RispondiElimina
  24. Filologia d'autore...interessante.

    Le immagini sono molto vivide.

    RispondiElimina
  25. grazie, anna: vienimi a trovare, ogni tanto.
    ciao

    RispondiElimina
  26. a proposito: stasera leggo poesie alla libreria "spazio più" di vicenza; se sei in giro...

    RispondiElimina
  27. Ah! Peccato...se avessi letto prima il tuo commento forse sarei riuscita ad organizzarmi per stasera. Pazienza, sarà per un'altra volta :)

    RispondiElimina