domenica 1 aprile 2007

Aldo Ferraris


Il nuovo libro di Aldo Ferraris, Danza di nascite (Azimut 2006) mette in scena l'archetipo junghiano dell'Anima, ossia quell'"eterno femmineo" che abita la psiche maschile e che in Ferraris si organizza secondo una costellazione ispirata al mito di Eurinome e di Demetra (figura che egli scinde in quelle di Kore, Persefone ed Ecate).

Le poesie che seguono cantano la danza "selvaggia e sensuale" di Eurinome, che sedurrà Ofione, "il grande serpente nato dal vento del nord", tanto da spingerlo a fecondare la dea, la quale, trasformatasi in bianca colomba, partorirà infine l'uovo cosmico (argomento di cui abbiamo parlato nel post del 22 febbraio).

Si tratta di una lettura non del tutto condivisa dagli storici delle religioni, ma certo affascinante, rinviando essa al mito della Grande Madre e a quella, implicita nell'archetipo dell'Anima adottato da Ferraris, dell'eroe.
Danza di nascite è un libro maturo, che consiglio vivamente.



I

Volteggia sul paesaggio il tuo mantello di pioggia
disegna anche e spalle di fioriture ingorde ma
l'elsa di ogni goccia nasconde una mano esperta
il pugno senza unghie della tua violenta bellezza.


IV

Di continuo falchi alzano il loro volo per nutrirti
e anellidi ermafroditi scompongono la tua pazienza,
agli estremi ti raggomitoli come in danze magnetiche
affilando la lama sul cuoio teso tra due precipizi gemelli.


V

L'insetto che regola lo spazio oltre l'unghia della talpa
ignora i mutamenti che l'hanno reso padrone e nocchiero
ignora la pressione dello sguardo che separa le tue ere
e lo spinge nelle stagioni come un pollice di seme.


VII

Si deforma la luce al passaggio del tuo esercito nano
si sbriciola in alba come calpestata da corvi senza pace,
piccole fiamme attenuano la penitenza del tuo gioco
inseguono l'ultima ombra fuggiasca sino ai bordi del sole.


XI

Accudisci una quinta stagione nel solco dei tuoi seni
la nutri pescando nel nulla che separa acqua e cielo
la proteggi dall'odio di un nome non ancora pronunciato
un nome dalle vocali come aghi di silenzio nella gola.

18 commenti:

  1. Sento una certa sintonia non tanto nel linguaggio ma in queste visioni primordiali di nascita e prenascita.
    E' come se al culmine della modernità dispersi tutti i valori fondanti si avverta il bisogno di un ritorno all'origine, alla grande fonte primeva dell'essere. Come la musica jazz che nei momenti di maggior confusione torna sempre ad abbeverarsi alla grande sorgente del blues. Almeno io sento dentro questa spinta quando tento di scrivere e queste poesie sembrano confermare questa prospetiva.
    pepe

    RispondiElimina
  2. l'origine. la vita e il suo passo.
    elegiaca nel senso più moderno che posso dire. umana ed eterea. come se fosse un semidio a parlare. così, sento addosso questa poetica ... e ne resto incantata.

    RispondiElimina
  3. p.s. Gugl, potrei avere un indirizzo mail al quale scriverti? Grazie ...

    RispondiElimina
  4. oh ma dico! la maiiiil?
    il mio eterno femminino si potrebbe anche ingelosire ;)

    Sin dal suo principio questa scrittura prende e incartena, vigorosa e potente a tratti lenta si quieta e poi riprende, chiudendosi in versi di inquietante splendore.
    "la proteggi dall'odio di un nome non ancora pronunciato
    un nome dalle vocali come aghi di silenzio nella gola."

    Bel testo, complimenti all'autore.
    Interessante post, come sempre, Stefano.

    RispondiElimina
  5. uff "incartena" che pare un neologismo tra "incarta" e "incatena" voleva essere solo quest'ultimo verbo

    RispondiElimina
  6. Gabriele, dici cose sacrosante!

    Care amiche, Aldo sarà contento delle vostre impressioni.

    Francesca scrivi qui guglielmin@nabanassar.com

    gugl

    RispondiElimina
  7. Eccellente proposta, Stefano. Come al (tuo) solito.

    Ferraris l'ho conosciuto sulle pagine di Anterem molti anni fa. L'ho sempre letto con grandissima attenzione.

    Qui, a quanto vedo, siamo ai suoi più alti livelli. Un libro da avere, sicuramente.

    Grazie per la segnalazione.

    fm

    RispondiElimina
  8. sì, anche a me pare un ottimo lavoro. E' un libro, in effetti, con tutta la complessità della cosa.

    ciao

    gugl

    RispondiElimina
  9. C'è una forza tellurica in questi versi. Mi sembra che molte immagini siano altrettante allegorie del divenire.

    RispondiElimina
  10. credo che, in genere, mito e forza tellurica vadano a braccetto (a patto che l'autore sia davvero riuscito a 'far essere' il mito)

    gugl

    RispondiElimina
  11. feGrazie per i lusinghieri commenti al mio libro. Per chi fosse interessato a leggere testi anche da altri miei libri segnalo il mio sito:
    http://xoomer.alice.it/sevfer

    Aldo Ferraris

    RispondiElimina
  12. Grazie a te, Aldo, per le poesie e per la segnalazione del tuo sito.

    gugl

    RispondiElimina
  13. RICORDO:

    venerdì 20 aprile 2007
    ore 18,30
    presso la:
    Libreria Irnerio - via Irnerio, 27
    a Bologna
    Loredana Magazzeni presenterà
    DANZA DI NASCITE



    gugl

    RispondiElimina
  14. erodiade3/4/07 21:45

    ciao Stefano, ciao amici carissimi di Blanc de ta nuque: prima colta che 'sgarro': dunque....

    assolvetemi per questo OT urgentissimo: c'è un orgia party a erodiade. ecco il testo di invito:

    "100000. PREPARATEVI ALLA FESTA
    amici di erodiade vicini e lontani, francesco de girolamo mi ha detto che è abitudine fare un PARTY VIRTUALE alla 100000 visita. dunque, preparatevi alla festa: secondo francesco, dovremmo colpire questa vetta entro questa settimana di pasqua. per l'occasione consumeremo champagne e tartine di caviale...eccetera "
    ciao, erminia
    www.erodiade.splinder.com

    All welcome!

    erminia

    RispondiElimina
  15. beh, 100.000 visite sono un bel traguardo. Complimenti!
    Io invece toccherò le 20.000 (da novembre) fra qualche giorno.

    gugl

    RispondiElimina
  16. anzi, adesso che vedo, le ho già superate!!!

    RispondiElimina
  17. grazie, stefano, e auguri anche a te per i 20000.

    cmq, stiamo per servire champagne a erodiade e anche c'è un'orgia-party su skype a cui stanno partecipando martino baldi, christian sinicco, luigi nacci ed io...

    non so se sei interessato. ma stiamo progettando una trasmissione radiofonica settimanale di questo tipo. sei utente skype? se si puoi partecipare (non è davvero un'orgia...ma uno scherzo..)

    RispondiElimina
  18. non sono tipo da orge :-)

    comunque: buon divertimento!!!

    gugl

    RispondiElimina