lunedì 25 febbraio 2013

Rita Pacilio



Gli imperfetti sono gente bizzarra (La Vita Felice, 2012) di Rita Pacilio, conserva già nel titolo una distanza di sicurezza dal pregiudizio di chi non ha il coraggio di incontrare la malattia. Da chi chiama bizzarro tutto ciò che non capisce. Differentemente da loro, Rita Pacilio entra nel vivo del mistero dell'essere umano, declinato, sul "lago di Nemi", in quegli umani dalle "labbra di rosa vermiglio" e le "ginocchia conficcate nella gola": immagine ossimorica, dove la salute delle labbra confligge con il dolore tutto raggomitolato, fetale, di chi ha rinunciato alla distensione degli arti ossia, metaforicamente, al cammino che porta verso l'altro, verso la guarigione. Qui "non si torna indietro" ci dice subito l'autrice, poetessa-sorella che racconta il suo viaggio, anche nel tempo, incontro al fratello Alfonso, la cui prigione "ha le finestre sorde". 

Anche il paesaggio d'apertura mostra le piaghe: l'acqua s'increspa, il lago morde nuvole, in affanno, i visitatori "fissano / l'inquieta luce della sera". Il mondo reale sta tutto in questa scena, tragica e dolcissima, e in quelle che raccontano il disagio, normale negli spazi manicomiali. Luoghi incomprensibili con gli strumenti del moderno: Pacilio, non soltanto dialoga con il fratello, in un tenero e, in parte colpevole, versificare privato, ma denuncia ogni pretesa di comprendere l'umano con la razionalità o il buon senso, come faremmo tutti noi visitando quei cerchi infernali. Per questo sceglie talvolta metafore surreali, vive d'immaginazione: vuole entrare in contatto simbiotico con lo sguardo scaleno dei folli, per dire loro, siamo fratelli, tutti. E tutti prede del medesimo silenzio. La vita è crudele perché non possiamo comunicare, se non per vie traverse, con il grido o sottovoce, e con il contatto fisico, anche se magari passa per sentieri violenti e incestuosi, come Pacilio ci racconta nel suo monologo Non camminare scalzo (Edilet, 2011).

"La voce di Alfonso / mi entra nella mano tutta intera" dice appunto l'autrice, coniugando suono e tatto, parola e corpo. E per lei, cantante jazz e performer, non può che essere così, non per scelta estetica, bensì profondamente esistenziale: il suo corpo a corpo con la voce e con la parola fa tutt'uno con l'attraversamento autobiografico, che trova, in queste quartine orientate all'endecasillabo, temporanea pacificazione. Ma solo formale, perché il lessico è espressionista e la visionarietà tragica.

Gli imperfetti sono gente bizzarra è una dichiarazione di appartenenza al genere umano dolente, l'unico davvero umano e per cui valga la pena parlare. Indipendentemente da quale tenaglia lo stringa: è l'esistenza terrestre a piagare le carni, il vivere stesso. Bizzarro, anzi spaventato o arrogante, chi finge il contrario. Pacilio, mi pare, parla anche agli spaventati fuori dalle mura, insegna loro di non temere la debolezza, ma anzi di farne una forza per rifondare la comunità dei viventi.


da Gli imperfetti sono gente bizzarra



Si increspa il lago di Nemi
in un gesto di doloroso silenzio
a vederlo mordere nuvole
l’affanno arriverebbe in cima.

Salgono visitatori
in una strada scoperta riaffiorano
in mezzo alle piante
ragazze di colore nude a metà

pascolano paure
e cosce raggelate. E fissano
l’inquieta luce della sera
come fosse un contatto.



**


Verso nord-ovest aumenta la scogliera
si arrampicano le acque
dove si posa la clemenza
le alghe consegnano umori tra dita.
Convulsi baci a pieni polmoni
all’abisso che rimane tra i denti.

I folli hanno labbra di rosa vermiglio
ginocchia conficcate nella gola
quelli del primo piano chiedono l’ora
collezionano dossi per l’inverno.

Scrivono sui marmi con il trucco
e sbavano meduse sul mento
quelli del secondo piano tremano
il morbo che cresce nell’addio.



**


Le vertebre hanno il petto impreciso
e aprono la pace imbavagliata
sanno sbarrare fiumi impacciati
colpevoli della fine del tempo.

Sui boschi la luna torna a Nemi
scivola trasparente dai canali
e sembra una sposa innamorata
ti rimbalza addosso senza piedi.

Alfonso ha le ali di angelo bianco
due voli che si moltiplicano
come non ho mai visto fare all’onda
un rotolare nel fondo del sonno.

E come un affanno in superficie
mi accade di cercare la bocca
per affidarmi a quel vuoto
il tocco della lingua dalle cose.

Cosa posso farci se sono neve?
Sospesa come raggio o lanterna
chiunque può contare le mie rughe
e cadere in ogni insenatura.

Sprofondare all’imbrunire in me.



**


Nel passo lento ascolto
dalla suola si staccano battelli
sono le prime ore del mattino
quando l’alba è ancora appannata.

C’è un giorno in cui ti ricordo
come un’ombra allungata sul muro
diminuire il dolore in un tuono
la nascita anteriore al bene.

Offro undici candele pietose
come simbolo liberatorio
come il resto di una bugia
il pezzo di pelle che amavi di me.

La crosta e il gemito di viscere
in mezzo all’ordito che baciasti
meridiano sotto il derma freddo
nome vero della mia schiena.

Sono la campana che sei stato
il lume della tua finta guerra
un camion sull’autostrada vaga
adesso niente ritorna dal niente.

Accarezzandomi entrasti nella pena.



**


Ha tolto lo spillo dalla costola
dove la Santa si scioglieva rossa
nello specchio del cielo cotonato
nell’orologio che lo ignora.

Che è un gioco del dio cieco
sotto le crepe limpide di acqua
rimodella i collant
mezza sorda di perdono e vita.

Sigilla il rifiuto e il peggio
strappa le dita ai guanti di carta
si traveste lumaca nel parco
per salire alla guancia umida.

I riccioli finti hanno un ventre
lo spazio di un occhio
la fronte allargata dai segni
è urgente qui il suo guardarmi.

I respiri ridono grinze verdi
si spettina vestita nella fiaba
mentre un pugno smarrisce le mani
continua a masticare la noce.

Non distrarre l’oltre della mattina.



**


Mentre sorride al lago superstite
diventa forcella imbalsamata
sgozza i riccioli in diagonale
come la nuova rotta della luce.

È il terzo occhio della poesia
con le scarpe colorate di rosso
sembra sia uscita dal suo disegno
o forse dalle quinte del suo uovo.

Si imbratta le mani con la vernice
conchiglie infilate sono collane
conosce bene la sua presenza
e piano, piano apprende l’assenza.

Quando le sagome diventano fosse
alcuni autunni tornano prima
dal lago di Nemi intreccio le dita
con i piedi porto avanti le dighe.

L’amore prevede due bugie
una crepa nel monte
un verbo finito sul petto
dove i canneti hanno smesso di dire.

Lontano dal battito dell’altro.


L'autrice sarà a Padova il 2 marzo, a presentare il suo libro. Qui il dettaglio.

Rita Pacilio è nata a Benevento, Sociologa e Mediatrice familiare, si occupa di Poesia e di Musica jazz e di Orientamento e Formazione nell’ambito dello Sviluppo delle Politiche del Lavoro e nelle progettualità della Casa Circondariale di Benevento, di Mediazione familiare e dei conflitti interpersonali, di Prevenzione delle dipendenze.
Alcune poesie edite e molte inedite sono state declamate durante serate di degustazione letteraria da attori d’eccezione come Enzo Garinei nell’anno 2004 e molti suoi testi sono stati rappresentati in manifestazioni teatrali.
Ha pubblicato:
• “Luna, stelle…e altri pezzi di cielo”; Edizioni Scientifiche Italiane – Prefazione Felice Casucci - anno 2003 (Primo Premio sezione “libro edito al Concorso Nazionale “Calicantus” I Edizione indetto da “ Il Gazzettino del Tirreno” - ME anno 2005)”.
• “Tu che mi nutri di Amore Immenso” Silloge Sacra, Nicola Calabria Editore (Patti, ME) settembre 2005
• “Nessuno sa che l’urlo arriva al mare” Nicola Calabria Editore (Patti, ME) settembre 2005
• Ciliegio Forestiero” LietoColle collana Erato maggio 2006
• “Tra sbarre di tulipani” LietoColle collana Aretusa giugno 2008 (Menzione d’onore Premio Bellizzi anno 2010),
• “Alle lumache di aprile” LietoColle collana Aretusa giugno 2010 prefazione A. Rigamonti e postfazione G. Linguaglossa (segnalazione speciale della 15^ Edizione Premio Letterario Nazionale di Poesia e Narrativa ‘Città di San Leucio del Sannio’ - Sezione C-Poesia edita -, il riconoscimento di Merito Artistico Premio Made in Italy S. Agata de’ Goti per lo stesso anno 2010 e la medaglia ArTelesiaFestival 2010 Premio speciale all’Autrice Rita Pacilio distintasi quale migliore Artista Sannita dell’anno.
• “Gli imperfetti sono gente bizzarra" La Vita Felice 2012, prefazione di D. Rondoni.

15 commenti:

  1. 'Il pensiero umano, sia percettivo che intellettuale, indaga sulle cause degli avvenimenti tenendosi il più vicino possibile al luogo dove i loro effetti si producono.' (Rudolf Arnheim – 1954, Arte e Percezione visiva)

    Grazie, caro prof Guglielmin, per aver letto il 'dolore' di questo mio cammino poetico nella chiave dell'antropologia cosmocologica che passa, comunque, per la filosofia. Secondo Hegel il dolore è un privilegio degli esseri più elevati, un privilegio della vita, dell’uomo in quanto essere capace di 'sentire' l'essenza più intima della natura vitale. Per molti poeti (Novalis, Leopardi) il dolore era una giustificazione all'aver sofferto e per alcuni medici antropologi (Buytendijk)il dolore è un qualcosa che nella vita termina, mentre è l'aver sofferto che permane. S.Agostino e altri hanno cercato di non considerare il dolore come elemento fondamentale della esistenza umana per non sopravvalutarlo, forse.

    Credo che il dolore sia un marchio, un distintivo, un sigillo che condiziona fortemente il nostro cammino personale, sociale e intellettuale. Montaigne attraverso i propri 'dolori fisici' ha imparato ad apprezzare, per quanto desiderava non soffrire, la qualità della lucida coscienza e dello spirito brillante, della salute mentale, quindi. Ecco, credo che la salute della 'ragione' sia un grande privilegio.

    Grazie per l'ospitalità qui, luogo di alta poesia, di confronto, di crescita vera.
    Rita Pacilio

    RispondiElimina
  2. il tuo commento è molto dettagliato e si concentra sul dolore. Se leggi bene, tuttavia, non c'è solo questo nella mia lettura. A me sembra che tu parli anche a chi sta fuori, ai "perfetti" che sono disposti a farsi accoglienza, a diventare relazione. Anche loro sono il tuo pubblico, non soltanto che ha patito. Ti sembra credibile questa ipotesi?

    RispondiElimina
  3. Certo! Essere riuscita a vestirmi da 'imperfetta' per dare una coscienza a chi non ne è in possesso per dialogare con un mondo, spesso, chiuso alla comunicazione, spento e disinteressato al colloquio con chi ha solo un corpo o pochissimi elementi di esso per 'dire' è stato un grande e sconvolgente 'progetto poetico/sociologico'. Il reale ha preso consistenza attraverso il poetare, sì, hai detto bene: ho dovuto utilizzare le metafore pungenti come lance, ho dovuto 'urlare' per farmi sentire dai 'più'. La narrazione ha mosso il 'dentro/fuori' trascinando una eco ampia, tanto quanto era la risonanza della richiesta che volevo partisse da un luogo come quello: 'Guardateci, non abbiate paura, sbaviamo, mandiamo cattivi odori, siamo a pezzi, la nostra mente funziona male, ma siamo come voi, pezzi di voi, apparteniamo al vostro stesso mondo. Ci basta un vostro sorriso, una carezza, non chiediamo molto, ma non ci escludete, non ci emarginate' Ed è vero. a loro basta davvero pochissimo per essere felici.

    Grazie per aver colto tante sfumature psicosociologiche da queste mie 'parole'.

    Rita Pacilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi chiedo come si possa stabilire chi non possieda coscienza.. e come, in vesti che pare l'autrice non consideri proprie, si pensi di poter essere in grado di 'dare' qualcosa che è, di per sé, quasi indefinibile..
      se ho compreso male me ne scuso..

      Elimina
    2. Quando si entra in un ospedale psichiatrico 'incontri' diverse patologie che riguardano molteplici disturbi mentali. Il mio non è stato un viaggio da 'operatore sociale' ma da autrice/sorella. Consiglio la lettura del libro e la documentazione a esso correlata per averne tutti gli approfondimenti. Vorrei a tal proposito riportare il commento al testo del prof Eugenio Borgna, forse può dire meglio di me:

      Gentile dottoressa,


      non leggevo da tempo poesie contemporanee di questa dolorosa arcana bellezza e di questa meravigliosa attonita grazia. Le ho lette, l'una dopo l'altra, affascinato e commosso dalle immagini, dalle metafore, dalle invenzioni linguistiche, dagli snodi tematici, dalle intuizioni di quella che è la voce segreta e lancinante della sofferenza psichica, dalla delicatezza e dall'amore con cui lei fa suo il dolore dell'anima di Alfonso. Non sono, ovviamente, un critico letterario ma da sempre leggo poesie che mi aiutano a resistere, e a comprendere meglio il dolore e la tristezza, la gioia ferita e l'angoscia, che sono nel mondo; ma di queste emozioni lei ci dona testimonianze inaudite e indimenticabili. Non posso se non ringraziarla, di cuore, di questo libro che ho letto, e che rileggerò senza fine. Quasi qualcosa del pensiero poetante di Georg Trakl: giungo a dirle questo. Grazie, grazie infinite, e che il Natale le sia sereno.

      Eugenio Borgna

      4.12.12

      Elimina
  4. Ai 'perfetti' ho voluto lasciare un messaggio di fiducia oltre che un monito, un comunicato di speranza. L'imperfezione o il male appartiene al mondo, così come la perfezione e il bene. Le contraddizioni sono insite nel nostro corpo e forse sono la nostra salvezza, la misura stessa del nostro confronto. Vorrei fosse l'amore, il coraggio d'amare, l'accoglienza all'amore la soluzione al dramma che ci declina costantemente verso la drammatica domanda: 'Perchè accade, perchè viene permesso?' Scivolare verso il dubbio arido e sterile ci pone in uno stato di sospensione oscura. Questo vorrei non accadesse al lettore del mio libro.

    Rita Pacilio

    RispondiElimina
  5. Che mi dici della scelta delle quartine quasi tutte, o forse tutte, chiuse da punto fermo? La trovi una misura adeguata per esprimere un pensiero?

    RispondiElimina
  6. Ho 'parlato' utilizzando un ritmo teatrale che mi sembrava più idoneo alla scena che volevo rappresentare: i versi finiscono nella cadenza del loro stesso significato. Un modo, questo, che parla fuori dalla memoria, fuori dall'impulso giudicante, fuori dal limite dell'interiorità. Una scelta di stile e di oralità necessaria per resistere al disagio intenso e a una forma preconfezionata. Un pensiero può essere espresso in diversi modi: ognuno può utilizzare la propria costruzione emotivo/sintattica, rispettando, comunque, la poesia.

    Rita Pacilio

    RispondiElimina
  7. spogliarsi di perfezione per vestirsi di bianco imperfetto
    leggendo mi giungono colori, i primi colori e le "scene" sospese e concrete, i gesti statici dell'ora essere "in ombra" ma voce
    porgere la voce, dare voce al luogo-disegno che tutti (ci) abita come natura e prima della memoria
    elina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come un'immersione nel lago. grazie.

      Elimina
  8. Movendo dall'assunto che “tutta la poesia è oscura perché è polisensa e può essere letta a vari livelli” (Luciano Luisi), apro ogni libro di poesia con l'entusiasmo dello scalatore ai piedi di una montagna nuova, munito, sì, degli strumenti necessari a raggiungere la vetta ma libero da ogni pre-visione.
    Mai come nel caso de “Gli imperfetti sono gente bizzarra”, questa disposizione risulta fondamentale. Fermarsi ad un primo livello di lettura, quella più immediata nella quale vorremmo riconoscerci, significa interrompere la scalata a pochi metri dal terreno rinunciando alla visuale maestosa che ci aspetta in cima.
    Il piccolo lago vulcanico di Nemi segna il confine fisico fra il mondo del consueto, riconosciuto come normalità, e un mondo altro, parallelo, dove vivono gli “imperfetti”, è trait d'union con la realtà e soglia liquida da oltrepassare per accedere al luogo di un altro vivere, ma per farlo occorre affidarsi al poeta, lasciare che ci prenda per mano e ci conduca con sé in visita al fratello Alfonso.
    Man mano che ci si addentra nell'abisso, il linguaggio sublima da visivo a visionario, necessariamente, in un crescendo di dolorosa intensità che culmina nell'assunzione totale su di sé del dolore fraterno.
    Il contatto è dialogo dei sensi, simbiosi delle anime che supera la parola, compenetrarsi di pupille, gesto di accudimento di sorella-madre che sa essere amore nel silenzio.
    E il lettore è là, a pochi passi da loro, sopraffatto dal chiarore emanato dalla fredda consapevolezza delle descrizioni oggettive e segnato dalla grazia feroce con la quale il poeta donna è capace di denudarsi per mostrarci le piaghe più intime della sua stessa carne.

    Maria Grazia Di Biagio

    RispondiElimina
  9. Ho cominciato a intuire la profondità e complessità di questo testo poetico che la poetessa dedica al fratello Alfonso dalle varie recensioni che ho letto sui blog. Certamente è impresa ardua nonché sofferta esprimere nel linguaggio poetico il disagio di una persona cara. Da quel che leggo mi pare che la Pacilio non cada mai nel tranello del sentimentalismo e della retorica. La sua è una poesia dolce e talora anche cruda che entra nell'animo.Di qui l'originalità. Peraltro la Pacilio è poetessa del sud e con i suoi versi fa onore alla nostra bassa Italia spesso dimenticata... Rosa Salvia

    RispondiElimina
  10. Rileggo oggi con piacere l'accurata recensione del prof Guglielmin e ancora ringrazio :)
    buona estate a tutti!
    Rita Pacilio

    RispondiElimina