sabato 30 dicembre 2006

Buddismo calmucco


Chiudo il 2006 con una notizia di carattere spirituale. La Calmucchia, repubblica russo-caucasica che si affaccia sul Mar Caspio, è lo stato buddista più ad occidente che si conosca. Discendenti dei nomadi mongoli (ma non tutti sono d'accordo), praticano il lamaismo, anche se il controverso presidente-padrone, Kirsan Ilumžynov sta diffondendo un "pensiero etnoplanetario", nel tentativo di far convivere la tecnologia occidentale e lo spirito orientale; fra cibernetica e ritualismo buddista, insomma! Naturalmente il popolo segue con fedeltà le acrobazie del presidente, secondo lo stile del fedele lamaista, che tende a non approfondire la natura dei riti e dei precetti.



auguro
buon anno a tutti
!!!

37 commenti:

  1. Non sapevo neanche che esistesse la Calmucchia! Com'è ancora immenso il mondo per un ignorante come me!
    BUON ANNO NUOVO ANCHE A TE!
    Se permetti ci aggiungo pure mio caro amico. :o))
    Mi sto portando avanti con il lavoro visto che sono in cerca di un prefattore prestigioso per la mia terza raccolta poetica ormai finita, anche se non considero mai finite le mie poesie, "l'ordine bisbetico del caos" :o))
    So' 'n'approfittatore 'nfame eh? :o))
    pepe

    RispondiElimina
  2. Aluccia, il tuo commento doveva esserci ed invece è sparito!!! E non l'ho nemmeno letto prima di dare l'assenso: scusa tantissimo!se puoi, riassumi?

    Caro Gabriele, di prefattori prestigiosi ce ne sono tanti, ma se proprio non puoi fare a meno di me:-), fammi sapere.

    RispondiElimina
  3. Un luminoso augurio di buon anno, carissimo Stefano.
    Gianfry

    RispondiElimina
  4. Ce ne saranno pure tanti ma di Stefano in arte gugl ce n'è solo uno!:o)))
    pepe

    RispondiElimina
  5. io ci dovrei essere sempre e invece sempre sparisco ;)

    AUGURONI a te, alla tua famiglia, agli amici frequentatori del sito

    RispondiElimina
  6. grazie a tutti per gli auguri e per ogni altra cosa detta in questo sito.

    RispondiElimina
  7. auguri a tutti voi anche da parte mia!
    Pepe: conosco bene il Gugl prefattore, avendo egli fatto la prefazione anche della mia opera prima (e ultima?), e garantisco che per il libro, per la soddisfazione del suo autore, e per il lettore, ha fatto una certa differenza....
    Au revoire, GTZ

    RispondiElimina
  8. Caro GTZ, il tuo primo commento è sparito! meno male che l'ho letto: l'assistenza poetica domiciliare è una grande idea, ma certo risente del riflusso tardo novencentesco :-)

    a proposito: l'altro giorno non mi hai portato il dattiloscritto!

    RispondiElimina
  9. auguri di buon 2007

    erminia

    RispondiElimina
  10. Il dattiloscritto (sembra il nome di un mostro preistorico, isn't it) me lo son scordato. ma forse è meglio che giacia u altro po' sulla mia scrivania. Mi servono altre 4-5 poesie per sentirlo più completo.
    Non credo ci fosse un altro commento oltre a quello che è comparso (ma qui non ci giurerei: passati i 40 la mia memoria fa strani scherzi...). Di sicuro l'ho postato nel post precedente....Ciao eBuon Anno Nuovo.
    GTZ

    RispondiElimina
  11. ah! Ora ho visto! Il mio post precedente non è sparito ma è effettivamente finito nel post sulla "Lotta Poetica", che era il suo luogo appropriato, in effetti. Bye. GTZ

    RispondiElimina
  12. Auguri a tutti per un anno nuovo e che sia nuovo per davvero! :o))
    Caro GTZ lo so benissimo ed è per questo che lo tampino! :o))
    Sto scherzando ovviamente non appiopperei mai a qualcuno un compito così dispendioso in termini di tempo e pazienza. Visto tra l'altro che non potrei pagarlo come meriterebbe. E poi a lui che vantaggi ne deriverebbero? Anzi associare il suo nome con il mio abbasserebbe di brutto le altissime quotazioni di cui ora gode... :o))
    pepe

    RispondiElimina
  13. caro Gabriele le altissime quotazioni sono un punto di vista :-)

    Auguri Erminia. e auguri a Givanni.

    RispondiElimina
  14. Al secondo commento di Stefano.
    Che significa prima di dare l'assenso? ai miei commenti l'assenso lo devi dare di default! ;)

    RispondiElimina
  15. buon giorno. si vede che stai studiando l'inglese, Stefano, con profitto!

    è fatta. siamo nel 2007.

    la vita ci si accorcia ulteriormente.

    gasp.
    auguri di resistenza.

    erminia

    RispondiElimina
  16. grazie Erminia. sull'inglese con profitto ha qualche dubbio, ma mi fido di te.

    l'unica vita che ci si accorcia volentieri è quella dei pantaloni, vero? :-)

    auguri!

    RispondiElimina
  17. La Calmucchia ottenne lo status di oblast autonomo il 4 novembre 1920, e venne elevata allo status di repubblica autonoma della RFSSR il 22 ottobre 1935. Nel 1943 lo status di repubblica venne revocato e la Calmucchia venne posta direttamente sotto il controllo del governo centrale.

    La collettivizzazione forzata fu un disastro sociale, economico e culturale, non adatto al temperamento calmucco e all'ambiente secco e privo di alberi. Durante la II guerra mondiale Stalin, sospettoso della loro lealtà a causa dell'insoddisfazione per le loro condizioni, deportò l'intera nazione calmucca senza preavviso in Siberia, su carri bestiame in pieno inverno. Metà dei deportati perirono durante il viaggio e nei successivi anni di esilio, una pulizia etnica fino ad oggi sconoscuta al mondo esterno.

    A causa della diffusa dispersione in Siberia la lingua e la cultura calmucche hanno sofferto un declino probabilmente irreversibile. Khrushchev infine permise il loro ritorno nel 1957, quando trovarono le loro case, posti di lavoro e terre occupate da immigrati russi e ucraini, che vi rimasero. Il 9 gennaio 1957, la Calmucchia divenne nuovamente un oblast autonomo e il 29 luglio 1958 una repubblica autonoma della RFSSR.

    Negli anni seguenti la cattiva pianificazione agricola e i progetti di irrigazione produssero una diffusa desertificazione. Vennero costruiti anche impianti industriali non redditizi. Con il crollo del regime sovietico si disintegrò anche l'economia, provocando diffusi problemi sociali e una crescente spopolazione delle aree rurali che mancavano di risorse e servizi.

    Dopo la dissoluzione dell'URSS, la Calmucchia ha mantenuto lo status di repubblica autonoma all'interno della Federazione Russa (31 marzo 1992).
    ....

    ritieni che il tentativo di far convivere la tecnologia occidentale con lo spiritualismo buddista sia decisamente insensato
    ed improponibile?

    :)

    vaan

    RispondiElimina
  18. caro Vaan, il tentativo calmuco è, in linea teorica, interessante, soltanto che è condotto da un presidente troppo compromesso con i grandi poteri transnazionali e in odore di facile corruzione (per non dire altro). Di fatto il grande salto non c'è stato e lui è tra i più ricchi uomini delle repubblice russe.

    RispondiElimina
  19. Nel 1989 Ilijumzhinov si è laureato all'Istituto Statale di Relazioni Internazionali di Mosca. Nei pochi anni seguiti alla dissoluzione dell'URSS ha intrapreso una rapida carriera negli affari, diventando in pochi anni uno dei principali magnati nel campo delle risorse energetiche (petrolio e gas naturale).

    Grazie anche alle sue notevoli possibilità economiche e alla vicinanza politica con l'ambiente di Boris El'cin, nell'aprile 1993 fu eletto presidente della repubblica autonoma di Calmucchia, un'istituzione dotata di larga autonomia nell'ambito della più vasta federazione russa.

    I suoi avversari politici gli rimproverano la sua improvvisa fortuna, ottenuta anche grazie a relazioni mai del tutto chiarite con la malavita sorta sulle ceneri dell'Unione Sovietica.

    Ilijumzhinov inoltre è noto in Russia e altrove come un personaggio decisamente stravagante: stando alle informazioni riportate dalla BBC [1] Ilijumzhinov sostiene di essere stato rapito e poi rilasciato dagli alieni...

    quindi siamo alle solite...

    vaan

    RispondiElimina
  20. vaan, ma per caso stai preparando un'escursione caucasica? :-)

    RispondiElimina
  21. o se mi piacerebbe un escursione caucasica...

    :)

    semplicemente tornando con i piedi a terra...
    mi domando sempre:
    chissà se la perestroika
    avrebbe potuto dare più speranze di democrazia...
    che non la brusca sterzata di boris

    .vaan

    RispondiElimina
  22. vorrà dire che quando torno, ti racconterò com'è andata:-)

    Per me, la sterzata di Boris e la dittatura di Putin hanno spogliato la nuova russia della possibilità di farne un modello per l'occidente.

    RispondiElimina
  23. sono dell'opinione
    che nell'operazione boris
    sia arrivato lo zampino dei servizi
    segreti americani...
    ma chissà se questo mio pensiero è solamente un luogo comune.
    in fondo la guerra fredda non sono stati bruscolini...insediatosi gorbaciov agli stati uniti si è aperto un piatto succulento...
    credo che una forte socialDEMOCRAZIA russa avrebbe fatto più forte l'europa stessa
    con un quadro di politica internazionale per nulla sbilanciato come oggi...
    e ne vediamo e subiamo tutti le conseguenze.

    vaan

    quando torni...?
    parti per il caucaso
    o stai andando al discount?
    :)

    RispondiElimina
  24. condivido la tua analisi politia e anche i tuo isospetti.

    nel caucaso georgiano spero di andarci quest'estate, ma non ho ancora deciso esattamente dove.
    il viaggio comunque prevede anche un'escursione in Armenia, sul monte aragat (non ararat) e in nagorno karabakh.

    ciao

    RispondiElimina
  25. cavolaccio

    ti invidio alla grande...

    :)

    camper? o topolino rumiz?

    RispondiElimina
  26. aereo fino a t'blisi (o Yerevan) poi vedremo nei prossimi mesi che cosa trovo.

    hai letto il mio racconto di viaggio in armenia? lo trovi nei link a fianco.

    RispondiElimina
  27. ..."fuori del museo, il diluvio: lo sventramento d’ogni memoria estetica e fabbriche come carie in bocca ad un corpo addormentato, nel quale pullula tuttavia, e imprevedibilmente, una straordinaria vitalità, che fa mercatino e gesto gentile, che fa veste nuova, sorrisi e danze sensuali nelle trattorie, di sera.
    ...qui alla vecchia Erevan, cenando fra amici, il senso d’ogni cosa si dispiega e di nulla d’altro ho bisogno."

    la storia dei popoli...da sempre

    RispondiElimina
  28. già. grazie per la lettura!

    RispondiElimina
  29. una curiosità...
    hai fatto il viaggio in armenia
    da solo
    o con pochi intimi?

    :)

    vaan

    RispondiElimina
  30. l'ho fatto con mia moglie e altre 3 persone. più o meno la stessa cosa penso di fare quest'estate.

    RispondiElimina
  31. di sicuro tutta gente che si trova sulla tua lunghezza d'onda...
    dal tuo scrivere traspare infatti forte
    il fatto che siate riusciti ad entrare in estrema sintonia con i luoghi...e le persone.
    un ultima cosa...
    prendevi appunti in diretta sul moleskine...o trascrivevi la sera?

    ciao tonino

    RispondiElimina
  32. moleskine,e cosa sennò? :-)

    RispondiElimina
  33. per cui scrivevi in diretta
    sotto gli occhi dei tuoi amici...

    ...bhè ...ottima comitiva
    allora.
    quando si arriva a condividere
    lo scrivere senza interferenze
    formali o riservatezze

    :)

    vaan

    RispondiElimina
  34. no, adesso che mi ci fai pensare, scrivevo alla sera, qualche appunto. la bella l'ho scritta casa.

    RispondiElimina
  35. :)

    grazie ste.

    RispondiElimina