mercoledì 23 dicembre 2015

Gli auguri di Eduardo De Filippo


O cunto
‘e ogn’anno,
‘o mes’ ‘austo,
puntualmente
ognuno conta ‘o cunto
a modo suio…

Ricorde ‘e guaglione
“Augurie e buone feste!
Che purtate don Giuvà?”
“E’ Natale… che vulite,
nu murzillo ‘e baccalà,
vungulelle, cefalotto…
Capírete, ‘o capítone,
nunn’ ‘o pozzo fa mancà.
Se fa chesto p’ ‘o guaglione!
‘E nnucelle, fícusecche,
‘e castagne, nu mellone…
Non pe’ mme, che ve credite,
è p’ ‘e figlie, p’ ‘o guaglione.
Quatte fasce ‘e menestella
dínt’o brodo c’ ‘o capone…
I’ nunn’accattasse niente.
Sulamente… p’ ‘o guaglione.
‘O dulcetto, ‘o struffulillo,
cose d’ ‘a tradizione.
I’ ce tengo ca sti ffeste
s’ ‘e ricorda stu guaglione!”
‘O mumento d’ ‘o cenone
d’ ‘a vigilia di Natale,
ogne cosa ch’io tuccavo:
“Posa lloco, te fa male!”
   


 Il racconto/di ogni anno/nel mese d’agosto/ puntualmente/ ciascuno lo racconta/ a modo suo…/Ricordo di ragazzo! “Auguri e buone feste!/ Che portate don Giovanni?”/ “È Natale… che volete,/ un pezzetto di baccalà,/ vongolelle, cefalotto…/ Capirete, il capitone,/ non lo posso far mancare./Si fa questo per il ragazzo!/ Le nocciole, i fichi secchi,/le castagne col melone…/Non per me, cosa credete,/per le figlie, per il ragazzo./Quattro fasci di minestrella/ dentro al brodo col cappone…/ Io non comprerei niente./Solamente… per il ragazzo./ Il dolcino, lo struffoletto,/cose della tradizione./Io ci tengo che queste feste/le ricordi questo ragazzo!”  Il momento del cenone/della vigilia di Natale,/ogni cosa che toccavo: “Posa là, che ti fa male!”.   

(traduzione di Salvatore Violante)


3 commenti:

  1. Se proprio deve essere, sia! :-)

    RispondiElimina
  2. Bravo Salvatore! Auguri e buon Natale:-)

    RispondiElimina