venerdì 15 aprile 2011

Due uomini, per fortuna


una risposta di Vittorio Arrigoni a Roberto Saviano

Questo capita quando si parla per sentito dire. Eppure la nostra vita di bianchi occidentali è tutta un sentito dire, tranne quando qualcosa ci minaccia; l'etica comincia lì, nel pericolo che ci rende soli e dunque obbligati a scegliere per salvarci. Così Saviano può avere torto, ma ciò non toglie nulla alla sua forza testimoniale, all'umanità che lo costituisce in quanto soggetto che ha scelto. E questo vale anche per Arrigoni.

Due uomini, per fortuna.

8 commenti:

  1. margherita ealla15/4/11 21:59

    "Due uomini per fortuna"
    perciò
    "rimaniamo umani".

    Grazie Vittorio, grazie Roberto.

    grazie gugl
    ciao

    RispondiElimina
  2. E' molto comodo e facile dirlo dal caldo delle nostre poltrone, comunque grazie a Roberto e a Vittorio, ovunque egli sia. L

    RispondiElimina
  3. che avremmo avuto divani profondi "comme des tombeaux" ce lo disse già un tipo poco raccomandabile nell'Ottocento. e in effetti aveva ragione oltre ogni suo intento.

    che almeno, da questi divani, si alzino parole precise, si alzino distinzioni. per mio conto, e per quel che vale, un grazie a Vittorio Arrigoni, allora, e basta.



    un caro saluto a Stefano e a tutti,

    fabio teti

    RispondiElimina

  4. " rimaniamo umani "
    anche ora che di questi due uomini
    ne è rimasto uno

    RispondiElimina
  5. Restiamo umani e cerchiamo di fare il meglio che ci è possibile fare.

    nadia agustoni

    RispondiElimina
  6. credo che lo possiamo fare. bisogna però guardare dritto, senza pregiudizi e con dolcezza.

    RispondiElimina
  7. Oltre allo sguardo, bisognerebbe raddrizzare anche le schiene... luisa p.

    RispondiElimina