venerdì 27 dicembre 2013

Stefania Bortoli








Il titolo di quest’opera prima, fermamente voluta da Stefania Bortoli, rinvia alla matrice simbolista e ungarettiana della sua ispirazione. Voci d’assenza (Editrice Artistica Bassano, 2012), infatti, c’introduce in una dimensione in cui il dialogo tra visibile e invisibile, tra mondo sensibile (la voce) e metafisica (l’assenza), riguarda la possibilità di partecipare all’assoluto, ma nella sua declinazione terrestre, biografica, ungarettiana, appunto. Sia la poesia d’esordio, oscillando tra “intermittenze” e “interminabile” quali condizioni del vivere e del conoscere, e sia la citazione dantesca, rinforzano tale ipotesi, sino a costituire le chiavi con le quali leggere quanto viene dopo: un sacro cipresso che non protegge più il nido, una ferita nel mese più crudele, una lama che lacera in cuore. Ora il naufragio s’è risolto, pare suggerirci l’autrice, sentendo la necessità di ripercorrerne la rotta, il “viaggio di ritorno”, trasfigurandolo, complicandolo di memorie più antiche, di letture che nel frattempo hanno arricchito la portata universale di quell’esperienza lasciata non detta nella  sua piaga, ma straordinariamente ricomposta nelle due poesie che chiudono la sezione, A rossa apertura sangue della vita e Vera neve annoda nidi, belle per la loro capacità di uscire dalla cronaca e fissare, quasi in astratto, l’attimo in cui l’assenza diventa risorsa, anche se, non necessariamente, felicità. Il viaggio ha reso possibile la metamorfosi alla viaggiatrice, l’ha iniziata alla conoscenza. Ecco allora che essa si cimenta nell’haiku, la difficile arte del sapiente, nella quale rapidità del gesto e grandezza della visione coincidono. Troviamo ancora malinconia ed inquietudine in questi lampi, ma vissuti in una dimensione non più passiva, bensì fatti rientrare in un ordine superiore, che li giustifica perché in armonico contrasto con la bellezza della natura, con la pazienza del ciliegio, con la vastità della primavera. Se in principio la natura faceva solo da sfondo al dolore personale, ora l’io canta nella penombra di un grande albero amico, che fa sentire tutti partecipi della medesima energia vitale.

La seconda sezione, Altrove, si apre con alcune poesie di viaggio, una memoria che si ricongiunge con le poesie iniziali, che ci riporta in una dimensione di sofferenza: è “uno sguardo indietro”, per recuperare i fili lasciati sospesi e ricomporli infine negli haiku che chiudono, e sintetizzano, quelle uscite in terre nuove, laggiù, compiute per rifondare l’ordinario, ma prezioso, quaggiù. Che è ricco di presenze, come ci ricorda la sezione successiva, tutte familiari, umane ma anche animali, come Lou, la gatta viaggiatrice, attraverso la quale Stefania ha modo di citare la grande poesia provenzale e Dante (con la sua “lingua del sì”), ma anche la sorella Chiara, le cui parole danzano nel testo, trasmettendo gaiezza e voglia di lottare, di muovere serenamente “verso il mare”, approdo di un libro nel quale l’invisibile sfuma via via in uno spazio concreto, finalmente abitabile, dove ricucire l’origine d’ogni esilio, il legame con la propria madre, fedeli entrambi alla vita e alla Terra, genitrice d’ogni possibilità e destino.




Dalla prima sezione   Viaggio di ritorno

                                           Nascere è cadere nel corpo. 
                                           Marina Cvetaeva



Intermittenze del tempo

sospensioni in ascolto

nel silenzio bianco

diventano percorso
singolare nella prossimità

dell’interminabile



**

A rossa apertura sangue della vita
vocale porpora scarlatta
balbettio di suoni che fecondi l’esistenza
se la prosodia materna è aperta morbida.

Trasformi l’assenza se i tuoi ciottoli di fiume
giocano con le tue piccole mani
risuona la parola nuda
né troppo vicina né troppo lontana l’amata presenza.

Singolare e plurale la mancanza
a mano a mano libera la paura dell’assenza
scoprendo l’invenzione e l’incontro con/diviso.



**

Vera neve annoda nidi
se la terra scura veste l’inverno.
Solo i merli cantano i crepuscoli
se i sentieri seminano sogni
avranno ritorno.
Eccomi oltre i giorni
più non sono.
E tu forse sapevi che l’attesa dell’angelo
scavando l’ombra liscia la pietra.



Dalla terza sezione   Presenze

Percorrono l’altro sentiero
radici fuori dal tempo
la morte annunciata
è presente nell’addio
nell’abbraccio agli alberi.
Eravate natura
legati come l’albero alla terra
          noce, pioppo,tiglio, quercia,
deserta sconfinata sola sulla collina
          morèr mare
maredè maredè
Nello specchio vedo solo
il mio ultimo volto
morèr mare…
                   maredèmaredè.




Notte di capodanno

Nell’intervallo tra memoria e desiderio
camminiamo senza indugio
tra la neve gli alberi
fino al giardino la prima neve
annuncia l’infanzia
le bianche rose senza perché.
Carezza le mani la gioia intera
piumaggio di magnolia
questa notte di poesia.




Chanson de Lou

Il tuo corpo nero aveva odore di campagna
ma gli umani ti vollero viaggiatrice.
Dai Pirenei alle azzurre stanze
dove si parlava a passo di danza
lingua d’oc d’oil
non mancava la lingua del sì.
Uno deux trois, natura felina
sognavi balzi parigini
cieli audaci occhi profondi
sui tetti era la notte pupille d’agata.

Una notte di settembre
Chiara disse - andiamo -
porta con te il filo d’allegria
l’elastico dorso vibra
          anche nel sonno
ordisce la trama
dipanando la matassa.

La storia nel verso appare
cercando falene
falce di luna rossa
il tuo ultimo autunno fedele alle foglie
          e alle stagioni.
Quieta osservi il fruscio del merlo,
mutano i fili d’erba, sei vivo prato
insieme ai petali rosa del primo ciliegio.



Haiku


Luna d’inverno.
Il silenzio lima le betulle
la volpe attraversa la neve



Qualcuno ha bussato?
Il battito del tuo cuore
in cerca della mia poesia



Fiume carsico
l’acqua scorre sotto
nella profondità la mia inquietudine



Nel tempio di Borobudur
gli anni vanno errando
cammino nel mio mandala



La metamorfosi della vista...
al mattino il mio sguardo scrive
sui volti di pietra di Bayon



Tempio di Angkor Wat –
ascolta, mi perdo nel tempo
sento la presenza del mistero



Immagine orientale:
canta il pescatore di fiori di loto
immerso nel fango nel lago rosa



Lapsus...un raggio di sole
come un arcobaleno
in un labirinto



Nella memoria del corpo
la scrittura interiore
decifra la profondità del mare





Stefania Bortoli è nata a Thiene (VI). Si è laureata in Pedagogia con una tesi di Estetica e Psicoanalisi.
È stata segnalata alla Premio Lorenzo Montano, edizioni XXI, XXIV, per la sezione “Una poesia inedita” e nell’edizione XXV, per la sezione “Una raccolta inedita”.
Sue poesie sono presenti sul giornale on-line Tellusfolio e nel libro Orizzonte terraqueo, a cura del Laboratorio di Lettura e Scrittura poetica di Artemis.
Il libro Voci d’assenza (ed. Editrice Artistica Bassano, 2012,) è stato segnalato con Menzione di merito alla XVII edizione del Premio Nazionale di Poesia Achille Marazza - Opera prima.
Insegna lettere al Liceo Artistico di Nove e vive a Pove del Grappa.

8 commenti:

  1. lei canta la parola, viaggia insieme al verso. Nascere è moriré e la poetessa lo sa caminando nel deserto...
    non c´`e mistero...solo l'arrivo al sole, alla vicinanza della luce familiare...un labirinto, si, come una vita...la vita che cammina e scrive la memoria "scavando l’ombra liscia la pietra..."

    RispondiElimina
  2. all'insegna della brevità, componimenti che rispecchiano il mio senso di fare poesia, la concentrazione che si fa immagine nella parola.
    l'incipit lo dimostra, così come gli haiku che si snodano lungo questo intenso viaggio, che in fondo è l'interiore del poeta.

    Auguri Stefano, Buon anno a Blanc!

    RispondiElimina
  3. Stefania Bortoli31/12/13 18:41

    Caro Stefano,
    grazie di cuore per l'ospitalità e per la tua bella e puntuale lettura.
    La poesia cerca il silenzio bianco ascoltando le voci
    che ci attraversano nella solitudine.
    La direzione delle nostre avventure è l'interminabile viaggio della parola.
    Grazie a Erika e a Carla per gli interventi molto graditi.

    Auguri di Buon Anno

    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri anche da parte mia!

      Elimina
  4. In ritardo ma arrivo anch'io per esprimere il mio apprezzamento. Ho avuto il piacere di conoscere Stefania e di leggere Voci d'Assenza, e lo ho trovato un libro costruito con cura, ricco di spunti interessanti e caratterizzato da una grande padronanza della lingua e delle sue possibilità espressive.
    E ovviamente auguri di Buon Anno a tutti!


    Francesco t.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesco,
      la scrittura può essere scoperta, ricerca, costruzione.
      Richiede silenzio e umiltà. Forse è necessario chiederle ciò che non si sa di sapere.

      Un caro saluto e Buon Anno.

      Stefania

      Elimina
  5. Paola Tegner9/3/14 21:43

    Voci d'Assenza, una raccolta poetica che ho avuto modo di apprezzare e seguire nel suo diventare concretezza. Sento molta affinità con la tua poesia, amo in particolar modo gli haiku, certamente per la loro istantaneità che molto si avvicina alla fotografia, il mio mezzo espressivo. I tuoi haiku, brevi, incisivi, profondi viaggi nell'anima. Il silenzio e il vuoto che diventano conquiste in questo mondo di troppi pieni e troppe parole inutili. L' amore per la natura che emerge da ogni verso come boccata d'aria fresca....respiro. Sentimenti ed emozioni quasi sussurrati, come se tu, Stefania, camminassi in punta di piedi in segno di rispetto per la vita, la natura, i sentimenti dell'uomo. C'è sacralità nella tua poesia, perchè il tuo viaggio nell'anima è frutto di un lungo percorso interiore, che merita di essere riconosciuto nella sua fatica e profondità e, per questo, sacro.

    "Lapsus...un raggio di sole
    come un arcobaleno
    in un labirinto"

    Eccolo, il gesto, il segno, il Lapsus che come un raggio di sole illumina il labirinto del nostro inconscio....basta poco, un piccolo raggio, ma per coglierlo nella sua chiarezza, quanta strada dentro di sè....Complimenti Stefania, ti abbraccio con tutto il mio affetto e la mia stima di cui tu già sai.

    Paola

    RispondiElimina
  6. Cara Paola,
    il tuo sguardo poetico porta alla luce alcuni aspetti della mia ricerca.
    e la scrittura può divenire scoperta e costruzione anche attraverso l'assenza (minuscolo).
    Ricambio l'abbraccio e grazie di cuore per le tue belle riflessioni.
    Stefania


    Stefania

    RispondiElimina