martedì 22 maggio 2007

Chioma

Direte che esagero, ma a me la Gualtieri piace :-)

Verso la fine di Chioma (Teatro Valdoca 2000), ci sono "Due lettere dalle prove" una delle quali, bellissima, s'intitola Notizie dalle operose solitudini:

"Cerco una lingua concreta, bassa, immediata, per dire cose azzurrine. Una lingua che abbia dentro capriole, salti di mazurca, voli di rondine, dietrofront, sfagli di cuccioli e gran melodia, gran bizzarria di lingua che sbotta per ogni marmo o stucco di discorso. Una lingua con pietruzze colorate, occhiali da sole sgargianti, cinturoni e tacchi psichedelici, e poi fischietti, cianfrusaglie. E quella strambezza che c'è nei tutti giorni di qualunque vita, dallo spaghetto al tonno alla paura di una grande scomparsa, alla solfa dei dolori terrestri. Ma non è vero che la cerco. Era lei che mi cercava. Io stavo in un gran patimento per le parole che avevo: mi disagiavano parecchio, mi lastricavano sul fondo con quelle loro borse pesanti. Ero scontenta delle cento e più pagine liricamente scritte per Chioma. Poi la calura estiva mi ha messo addosso stracci colorati, vesti­ti allegrissimi e pieni di infanzia, cappellini bizzarri, e uno sguazzamento in ogni acqua, in ogni pozza o conca marina, in ogni buco di freschezza delle parole. Ecco, ho visto tutti i miei cari temi assoluti venire a galla e pur restando ossessionanti e pulsanti, gettarsi a capofitto in un balletto sghembo, fra api e corolle, fra voli sbilenchi di gufi, quando fa notte, fra grilli che sentivo ridere forte."

10 commenti:

  1. e non che non esageri, piace anche a me.
    vedi, anche se non ci credi, abbiamo gli stessi gusti ;)

    RispondiElimina
  2. sì, ci credo, ciò non toglie...


    gugl

    RispondiElimina
  3. che anch'io sono scontenta

    RispondiElimina
  4. di primo impatto, sembrerebbe "troppa" questa sovrapposizione di immagini, di sensi. Sebbene, proprio questa sua caratteristica, diventa la forza emotiva che la muove e lascia assoporare. Diventa memoria.
    Si, direi che mi piace. Non poco, non poco.

    RispondiElimina
  5. il "troppo" ossia l'accumulo, in Gualtieri, è metodo per conoscere le pieghe del mondo. diventa memoria, come tu dici, ma anche - parlo delle sue poesie - tonalità affettiva dello sguardo.

    gugl

    RispondiElimina
  6. mica 'alivento' e 'gugl' sono la stessa persona, o coniugi?

    ermi ?

    RispondiElimina
  7. certo che no, cara Ermy: sarebbe una guerra continua altrimenti! :-)

    gugl

    RispondiElimina
  8. mica ermi non è ermi ;)


    bel braccio di ferro eh Ste? chiamare in causa la verità t'ha disfatto :P

    RispondiElimina
  9. difficilifoglie27/5/07 12:47

    Non è strano che la Gualtieri piaccia. Molti dovrebbero iniziare a leggerla e studiarla.

    RispondiElimina
  10. sì, sono d'accordo.

    gugl

    RispondiElimina