mercoledì 21 febbraio 2007

Antonio, Antonia


La prefazione di Antonio Banfi al saggio postumo di Antonia Pozzi su Flaubert. La formazione letteraria (Garzanti 1940), inizia con un ricordo tenero della poetessa:


"La sera innanzi al suo ultimo giorno la vidi ad un concerto del Quartetto. In un gruppo di giovani intorno a me sorrideva dagli occhi limpidi, tremanti, chiari, come le sue speranze e i suoi sogni; ma il viso era pallido ancora dell'ansia della musica. Le chiesi del suo Flaubert, scherzando, che era un po' il mio figlioccio e, dopo averlo tenuto a battesimo, non ne sapevo più nulla. «Ci vorrà tempo ancora, mi disse: molto è da rifare, e mi sto rifacendo anch'io»".


E poi riprende un passo di Antonia che ne mette in risalto la passione per la poesia:


«Perché — ella scriveva in quegli anni — non per astratto ragio­namento, ma per un'esperienza che brucia attraverso tutta la mia vita, per un'adesione innata, irrevocabile, del più profondo essere, io credo alla poesia. Perché la poesia ha questo compito sublime: di prendere tutto il dolore che ci spumeggia e ci romba nell'anima e di placarlo, di trasfigurarlo nella suprema calma dell'arte».

15 commenti:

  1. Ne scrisse vocativo e così l'ho conosciuta e amata per la sua "Vita sognata".

    Quello che dice sulla poesia è vero in parte, c'è pure dentro quel senso, quell'uso ma non basta a definire e ci sarebbe poi molto altro da dire

    RispondiElimina
  2. Dio, che è vero.

    grazie per questi interessanti spunti :)

    mitralika

    RispondiElimina
  3. Ali, mi piace questo tuo contrapporti ad armi pari.
    D'altro canto, chiaro che una frase non può esaurire una poetica; lo sapeva anche la Pozzi.

    Mitry,
    prego :-)

    RispondiElimina
  4. mi confronto più che contrappormi, avrei voluto conoscerla, anche suo padre

    RispondiElimina
  5. "Perché la poesia ha questo compito sublime: di prendere tutto il dolore che ci spumeggia e ci romba nell'anima e di placarlo" la poesia non l'ha certo aiutata a vivere visto che si è uccisa a 26 anni :-)

    "Io ho tanto sofferto. Dentro me è tutto un giardino di fiori morti, d’alberi uccisi: e i fiori morti mi fanno vigile e triste come una vecchia mamma presso la tomba del suo unico bimbo. Eppure, mi creda: se un raggio di sole, tra la nebbia, può ancora farsi strada, esso nasce là dove io sento che il mio cuore ha toccato un altro cuore, che l’ora greve è stata da me ad un’altra vita.. Ed anche nasce là dove riesco ad evocare con occhi intenti l’anima delle cose ed a far sì che le cose versino il loro pianto intorno e sopra il mio stesso dolore.
    antonia pozzi - 29-1-33

    baci a tutti. antonia pizzo :-))))

    ps. fantastico, abbiamo levato pure le lettere sabfuahv grazie! sapessi che fatica!

    RispondiElimina
  6. oh stefano, hai levato le lettere pazze e hai rimesso la moderazione? :-(

    RispondiElimina
  7. antonia pizzo è un lapsus da 110 e lode.

    grazie per aver riportato questo testo della Pozzi. E' unasua lettera al suo prof di latino e greco Antonio Maria Cervi?

    (che, fra l'altro, meriterebbe almeno un post, qui.)

    RispondiElimina
  8. ho rimesso il filtro perché girano lupi vestiti da agnelli da queste parti...

    ma non solo loro per fortuna :-)

    RispondiElimina
  9. non c'entra niente con questo post, ma apprendo solo ora della morte di artur (che poi era gianni toti, e io non sapevo nemmeno questo)
    ma dove cacchio vivo?
    scusate
    ciao ste

    RispondiElimina
  10. red, artur non era gianni toti, ma da un certo punto di vista lo era, visto che ora sono nello stesso vortice.

    RispondiElimina
  11. allora fai bene, i lupi travestiti da agnelli meglio tenerli lontani. ho scritto una poesia pensando all'amore della pozzi per Antonio Maria Cervi. che te ne sembra? ciao antonella

    RispondiElimina
  12. non era Gianni Toti, si chiamava Tonino. a.

    RispondiElimina
  13. ho commentato nel tuo blog.

    ciao!

    RispondiElimina
  14. garzie stefano, ho letto e ho risposto. a.

    RispondiElimina