domenica 17 dicembre 2006

Ragù


Anche se, pare, il vero ragù alla napoletana non sia la "carne c' 'a pummarola", come recita invece questa poesia di Eduardo de Filippo tratta dalla commedia Sabato, domenica e lunedì, dedico lo stesso questa delicatezza al sabotatore che da un paio di giorni s'insuga malauguratamente in questo blog cercandone la ricetta.


O rraù

'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel' 'a miezo st'uso

Sì,va buono: cumme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà?
Tu che dice? Chest' 'è rraù?
E io m' 'o mmagno pè m' 'o mangià...
M' ' a faja dicere na parola?...
Chesta è carne c' 'a pummarola

15 commenti:

  1. la foto uguale uguale a quello che ho preparato oggi io a pranzo :)

    Ora ci vorrebbero Erminia o Voc per la traduzione

    RispondiElimina
  2. Ecco Ali la mia versione.

    "Il ragù come piace a me
    Me lo faceva solo mammà.
    Da quando mi sono sposato con te
    Ne parliamo tanto per parlarne.

    Non sono un tipo difficoltoso
    Ma togliamo di mezzo questa usanza!

    Si, ve bene, come vuoi tu!
    Dovessimo litigare per un ragù?!

    Tu che dici? Che questa è la ricetta originale?
    Ma...io lo mangio tanto per
    Mangiare….

    La fai dire una parola? Questo è ragù!
    E' carne con la pummarola."

    --------------------
    Stasera il menù della mia festa pre-natalizia(parte prima...)(Voc tra ospiti, dunque vino extra)

    MENU'

    - risotto con cipolla, parmigiano e finocchi...
    - riso indiano con cavolfiori
    - pasta e fagioli
    - gratin di broccoli
    - salsicce e patate al forno con rosmarino
    - melanzane arrostite con aglio e origano, aceto balsamico e olio extra vergine
    - cicoria saltata con peperoncino piccante e aglio

    (più un'ira di dio di dolci tradizionali e non tradizionali)

    (erminia)

    RispondiElimina
  3. Riposto la traduzione perchè l'ho miliorata, e poi inq uella di prima i due ultimi versi erano sbagliati. Dunque vi prego di rileggere tutta la nuova versione adesso. Thanks.:

    Versione italiana della poesia di Edoardo De Filippo, "O'rraù"

    "Il Ragù":

    "Il ragù come piace a me
    Me lo faceva solo mammà.
    Da quando mi sono sposato con te
    Ne parliamo tanto per parlà.

    Non sono un tipo difficoltoso
    Ma togliamo di mezzo quest’uso!

    Si, ve bene, come vuoi tu!
    Dovessimo litigare per un ragù?!

    Tu che dici? Che questa è la ricetta originale?
    Mah...io lo mangio tanto per
    Mangiare….

    Me la fai dire una parola? Questo non è ragù!
    E' carne con la pummarola."

    --------------------
    Trad. dal napoletano di erminia p.

    RispondiElimina
  4. cara Erminia salutami Luigi e divertitevi. Grazie per la traduzione, ma avendo io radici remote a sala consilina... :-)

    ciao Ali

    RispondiElimina
  5. Lapo caro, ma tu sei già di per te un tiramisù, la ricetta non serve, domani va bene in stazione per colazione?

    Ste, uno che riscrive le cose all'infinito merita la mia massima considerazione.

    Grazie e. della traduzione, potremmo noi considerare questo pezzo come la metafora dell'incomunicabilità ? la rappresentazione della crisi familiare, il complesso edipico persistente e l'oblio delle tradizioni? ;)

    RispondiElimina
  6. perchè mai incazzarsi o sentirsi umiliati di commenti estemporanei al contesto?
    i blog sono nati per questo, vero lapo/lino?
    per comunicare

    RispondiElimina
  7. Il ragù che piace a me
    solo mamma me lo fa
    ora che ho sposato te
    ne parliamo per parlar
    io non sono schizzinoso
    ma togliamolo quest’uso

    sì, va bene: se vuoi tu
    Non vorremmo litigare?
    tu che dici? che è ragù?
    Io lo mangio per mangiare...
    posso dire una parola?...
    Questa è carne e pummarola!


    traduzione dal napoletano di a. pizzo

    RispondiElimina
  8. ps. sono di nonna e padre salernitani. a.

    RispondiElimina
  9. ce n'è una di pascoli che parla di un risotto, l'ho cercata su internet ma non l'ho trovata! :-) a.

    RispondiElimina
  10. Visto che già hanno tradotto gli altri, io mi astengo :)
    però saluto ugualmente Stefano. Sono appena rientrato.

    RispondiElimina
  11. ciao vopc.
    quetso blog è nato per parlare di poesia e con le persone disposte a dialogare con rispetto.

    non ho nessuna intenzione di perdere tempo a parlare di tiramisù.

    vedete voi che intenzion iavete.

    punto

    RispondiElimina
  12. 17,45 santa maria novella. ma vieni tu o Pam?

    RispondiElimina
  13. Erminia, il tuo menù della festa è accattivante, però un appunto devo farlo la pasta e fagioli già da sola è un pranzo a sè ed ottimo per giunta

    ciao Ste, ciao Voc, bentornato!

    Anto, mi sembra che la tua traduzione dia dei punti alla campania doc ;)

    RispondiElimina
  14. la traduzione di antonella è decisamente migliore della mia. ma agevolata da quello che avevo fatto io, forse: come tutte le traduzioni, fa leva sulle precedenti.
    :)
    erminia

    RispondiElimina
  15. no, erminia, che c'entra la tua? ho solo cercato di mantenere le rime dell'originale, la tua era una traduzione diversa, non rimata. ma grazie comunque. antonella

    RispondiElimina