martedì 3 ottobre 2006

allegoria sul Canone


Ho trovato un videoclip che riproduce la mia idea di canone letterario.
Vi invito dunque a visitare questa pagina e a riconoscere, nel destino di ogni pallone aerostatico, la fortuna e la sfortuna del poeta.

55 commenti:

  1. Che bel video-clip, grazie, Gugl !

    Ciao da Fadipao.

    RispondiElimina
  2. Io mi sono immedesimato con l'aquila! :o))
    pepe

    RispondiElimina
  3. io non ho capito niente, ma va bene uguale :D

    RispondiElimina
  4. fedopao, grace ci ha abbandonato. dovremo elaborare, per superare?

    ha ivisto l'aquila: così grossa e così inutile? ma tu non sei così!

    Voc, non ti credo :-)

    RispondiElimina
  5. cioè tutti palloni gonfiati!? :-) ciao a.

    RispondiElimina
  6. ho il pc in ristrutturazione dunque per il momento non vedo video, ma l'interpretazione di anto, alla cieca, mi sembra fondata.

    Se a beneficio della tua umile adoratrice vorresti essere più delucidante Stefano te ne sarei grata.

    RispondiElimina
  7. Gugl, Grace tornera', dalle solo un po' di tempo, io ne sono certo....

    Ciao da Fadipao.

    RispondiElimina
  8. va bene, spiego la mia lettura: ogni mogolfiera sale secondo il grado di notorietà canonica, ma, passando il tempo, scende, risale, sparisce, ritorna...

    fedopao: dimmi che tu avevi capito!

    RispondiElimina
  9. credevo di non aver capito niente, invece un po' avevo capito... mmm...

    il mio sospetto è che alcune mongolfiere non si alzano proprio hihihihihihihihihi

    RispondiElimina
  10. qualcuno sicuramente ci soffia sotto per farla salire:-))))

    RispondiElimina
  11. e dire che sembrate tanto innocenti!!!

    RispondiElimina
  12. l'aquila è Gabriele, no? :)

    RispondiElimina
  13. beh, l'aquila è una mongolfiera troppo pesante. è come quando freud disse ai suoi allievi: talvolta un sigaro è soltanto un sigaro:-)

    RispondiElimina
  14. ciao voc: che ci fai qui a quest'ora?

    RispondiElimina
  15. io spio.....e spiando mi libro... :)))

    RispondiElimina
  16. chi fu? Ego, Io, I: GTZ

    RispondiElimina
  17. gabriele, ti faccio compagnia?

    RispondiElimina
  18. libr'arsi? a qui (o) là? a lì, pepè aleppe cician! :-)

    RispondiElimina
  19. Stefano, connessioni lavorative :)

    il tuo è un dantismo estremamente esilarante, un aggiornamento necessario :)

    RispondiElimina
  20. Mi sento in colpa: volevo mandare il povero Artur alla ghigliottina....Trattavasi di raptus.

    RispondiElimina
  21. Voc, non riesce a dormire.....perchè sta passando ad una vita di altre altezze e valori....(e)

    RispondiElimina
  22. come dici tu,erminia, per fortuna che non sei vissuta durante la rivoluzione francese:-)

    RispondiElimina
  23. ste sempre palloni gonfiati sono. chi sù, chi giù, ma sempre pieni di gas. boh, io la vedo così. meglio un'allegoria di uccelli, o di deltaplani. a.

    RispondiElimina
  24. oddio, che vuol dire che sto passando a vite di altre altezze e valori?

    un poco m'inquieta! Sembra quasi che io stia diventando ricco e snob! invece resto povero e precario :(

    RispondiElimina
  25. anto, non ho trovato il video che dici, mi sa che dovrai accontentarti. ma non ti pare che molti poeti siano palloni gonfiati? :-))))

    RispondiElimina
  26. Intendevo dire che stai andando a Torino! (e.)

    RispondiElimina
  27. Oh l'aquila sono io e basta capito alivento? tu sei libera e voli nell'alto dei cieli senza inutili orpelli.
    Che tanti poeti siano dei palloni gonfiati non c'è dubbio ma per fortuna qui tra questi alti spazi non ne conosco.
    Buon vento a tutti!
    pepe

    RispondiElimina
  28. Caro Pepe, peccato, sarei stata felice di monfolfierare con te. :)

    RispondiElimina
  29. ovvero, stai andando a Verona...

    RispondiElimina
  30. se fossi un poeta non vorrei essere un pallone gonfiato ma un aereo di carta con tante paroline scritte sopra. ciao a.

    RispondiElimina
  31. non vado a Verona, non vado a Ragusa, non vado a Vicenza e nemmeno a Milano, non vado da nessuna parte, neanche in cielo come aquila vado.

    Caro Pepe, perchè io sarei libera di volare e tu no?

    RispondiElimina
  32. Si possono indossare le scarpette in mongolfiera?
    Stefano, scusami, ma ho bisogno di contattarti in pvt. La tua e-mail prego! grazie!
    Red

    RispondiElimina
  33. Caro Gugl, pensavo di aver capito, ma dopo la tua spiegazione....

    No, a parte gli scherzi, certo, e' una bella allegoria quella mongolfiera-poeta, con tutte le implicazioni del caso, ma perche' continui a chiamarmi fedopao, forse ti semnbra piu' artistico come nick, da' l'aria di poeta anche a me ? In tal caso, inizio a pensare di trasformare fadipao in fedopao, chissa'...

    Ciao da fa(e)di(o)pao.

    RispondiElimina
  34. caro fadipao hai un nickname difficilissimo, che mi perdo per strada. è la contrazione di fabrizio di paolis?

    un saluto anche agli altri visitatori.

    OT. chi fosse a vicenza sta sera, presento il libro "Di Acque / Di Terre" (Joker) di Roberto Cogo, alla libreria "spaziopiù"

    RispondiElimina
  35. concordo con vocativo, qualche mongolfiera non si alza proprio in volo...

    Mi mischio.
    Mi aspettano. Tutti. Come sempre.
    Eccomi, dinuovo. Ci sono? Sono?
    Vado a tempo.
    Al ritmo dei pensieri. Una chitarra elettrica.
    Gioco.
    Perdo. Perchè lo voglio e me lo impongo.
    Vincerei, se solo lo volessi. Potrei volerlo.
    Indosso la giacca rossa,
    a fatica, perchè non so se ci sei. Anzi, so che mi vedi.
    Fisso il vuoto,
    elimino il resto intorno
    che fa solo da contorno. Cornice di un quadro sbiadito.
    Senza te, senza me. Persi, entrambi. Nel vento della cenere.
    Io non sono. Tu sì? Amami.
    Non sono che una majorette
    in mezzo alla folla, Di legno, di latta, di carne,
    fissa in una fotografia, vista e rivista, aggiornata,
    in una via stretta, dentro un cunicolo, persa, speranzosa di uscire.
    Uno, due, tre.(Finirà questo dì)
    Quando smetto
    di non godermi la vita.
    Quando non odio più la mia metà.
    Quando non ho più pensieri doppi.
    Quando conto uno, due, tre
    semplicemente perchè devo contare
    godendomi il fatto di essere dentro una festa?

    a te gugl.

    RispondiElimina
  36. cioè, la poesia scritta non per te, ma la dedico a te, cioè, oddio, volevo solo un tuo parere...vabbè mi eclisso...

    RispondiElimina
  37. ah, mi ero illuso che avvessi versificato per me:-)

    peccato che l'impaginazione non sia chiara, ma mi pare un testo vivace. Certi passaggi della seconda parte tengono meno, ma non si può mica chiedere il cielo alla lingua, no? o sì?

    RispondiElimina
  38. ...forse sì può chiedere, deluso?

    RispondiElimina
  39. no, va bene così, mi sentire in imbarazzo :-)

    hai visto nel tuo blog che bella difesa ho fatto? che sia difesa a donna o a uomo?

    RispondiElimina
  40. che blog? vorrei andare a leggere anche io la tua difesa....(ermi)

    RispondiElimina
  41. L'ho vista gugl, e ti ho anche risposto, ma non c'era bisogno per un utente anonimo così maleducato...
    grazie comunque, sei un buon paladino :)

    P.S. in imbarazzo per cosa?

    RispondiElimina
  42. rita, se permetti, do i dati del tuo blog a erminia http://lemanisulcuore.splinder.com/

    e ti do il suoi (vale la pena)
    http://erodiade.splinder.com/

    (visto che i link non sono ancora capace di inserirli)

    ciao

    RispondiElimina
  43. Me lo consigli gulg, e come mai?
    Ora lo metto nei miei link preferiti.

    RispondiElimina
  44. stefano, il commento "vale la PENA", mi ha fatto ridere......
    si aggancia ad un idioma inglese per definire i turbolenti: She/he is a pain (in the ass)! erminia

    RispondiElimina
  45. rita, vale la PENA, non nel senso che intende Erminia (che è un vulcano imPENitente), bensì: vale la gioia di limkarlo.

    se vai qui, trovi qualcosa che riguarda il suo sito

    http://www.tellusfolio.it/index.php?prec=%2Findex.php%3Flev%3D119&cmd=v&id=1509

    RispondiElimina
  46. Ali tu, all'incontrario di me, sei libera nel senso che la tua poesia vola alta e scevra da sovrastrutture e meccanismi perversi di autocitazione e incrostazioni di un ego frantumato che in mille frane precipita nel nulla (poetico) tutte zavorre che invece impediscono alle mie poesie di poter volare.
    Il fango, le tane del serpente, le crepe, i buchi del ragno sono la mia dimora (poetica).
    pepe

    RispondiElimina
  47. pepe è il re dell'understatement!

    RispondiElimina
  48. C'è anche una tua bella foto...bella gugl, batti il 5! Sei davvero forte!

    RispondiElimina
  49. Gugl, ci sei andato molto vicino sui miei nome e cognome, evidentemente voi poeti avete fiuto....

    Ciao da Fadipao.

    RispondiElimina
  50. siamo dei cani da usta:-)))

    RispondiElimina
  51. rita, batto cinque, ma tu batti tutti!

    ciao

    RispondiElimina
  52. stefano è un bellissimo uomo...chissà quanto è alto, da normanno qual è non dovrebbe essere meno di 1.75, vero?

    RispondiElimina
  53. beh, a sentir lui, è sulle 1000 in italia:-)))

    RispondiElimina
  54. Batto tutti in cosa? :P

    RispondiElimina