mercoledì 21 giugno 2006

Taisen Deshimaru


Vorrei dedicare ad Alivento e a Rita le parole del maestro Taisen Deshimaru: "Spezzare i legami, le abitudini, amare senza desiderio di possesso, agire senza finalità personali, tenere le mani aperte, donare, abbandonare ogni cosa senza paura di perdere: ecco, la disciplina dell'adepto zen! La verità risiede nella semplicità. Rivolgiamo lo sguardo verso l'intimo, la parte notturna dell'essere, la nostra notte umana. Si leverà l'alba."

21 commenti:

  1. oh Stefano, grazie.
    Le cose che dice sono giuste e vere, la simbologia delle mani aperte, come segno di totale apertura e disponibilità verso l'altro e donoazione pure, spesso l'ho usata anche nelle mie poesie, l'amore, che non senso di possesso è un'idea di fromm, che già conosco, eppure sebbene razionalmente capisca e condivida, certe volte, certe notti, l'ansia invincibile mi assale.
    Sono mostri che libero in poesia.
    Mi sto riprendendo ma non sono ancora in forma. Davvero sarà il caldo, più probabilmente la stanchezza, quando è eccessiva mi fa male.
    E grazie

    RispondiElimina
  2. sì, l'amore come dono è in tutte le culture. Fromm, in Avere o essere la riprende proprio dalla cultura orientale, pensata come un tutt'uno.

    sono contento che tu stia un po' meglio: come sai, le cose che arrivano, poi passano. E' una legge naturale.

    RispondiElimina
  3. turrazangio21/6/06 20:57

    Roshi Glassman (discepolo di Maezumi Roshi, nel cui lignaggio anch'io fui ordinato come laico):"A me sembra che ogni religione e ogni pratica spirituale si siano impegnate nell’azione sociale. Non so da dove vengano tutti questi pregiudizi sul buddismo tradizionale. Le persone che ho incontrato parlavano di buddhismo Zen, ma non erano mai state in Giappone, non sapevano che un tempo le scuole, gli ospedali, gli ospizi per anziani erano tutti nei monasteri buddhisti. Un’altra cosa che mi infastidisce è che spesso i buddhisti sentono il dovere di giustificarsi per il loro impegno sociale, come se ciò fosse non buddhista. È incredibile pensare che l’azione sociale possa essere considerata non spirituale, che ci possano essere delle tradizioni spirituali non impegnate socialmente, che si considerino solo prajña, la saggezza o sila, la disciplina e si tralasci karuna, la compassione. Non funzionerebbe."

    RispondiElimina
  4. mi stai forse rimproverando maestro? compassione, anzitutto:-)

    RispondiElimina
  5. a me non la dedichi? ma sei buddista veramente? :-)

    RispondiElimina
  6. sono un piccolo buddha: un bidino:-)

    RispondiElimina
  7. volevo scrivere "budino":-)

    RispondiElimina
  8. stefano, dicci, ma se il tuo amico Giovanni Turra Zan si dice appartenente di un ordine spirituale (non so come chiamarlo, perdonatemi se dico castronerie) e tu parli sempre dell'Oriente... ma non è che uno di voi è un Lama (non quello che sputa!)?

    RispondiElimina
  9. Stefano, mi permetterai di ricordare che quello che dice il maestro lo ha detto anche Jung (e va be', Cristo prima di lui).

    RispondiElimina
  10. Fabry, come dicevo sopra, certi insegnamenti appartengono alla saggezza collettiva, li abbiamo dentro, insomma: si tratta solo di ascoltarli, di stare concentrati e ascoltarli.

    Voc, in effetti il mio amico giovanni è stato in monastero in sri lanka e in florida. (ma come fai conoscerlo?)

    RispondiElimina
  11. turrazangio23/6/06 08:49

    no, no, nessun rimprovero, per carità. Solo un "ampliamento". Lo Zen non è una sublimazione: ogni Roshi piangerebbe la perdita di un proprio caro, in barba all'"amare senza desiderio di possesso". Spesso (e non mi riferisco a te...) incontro persone che hanno concezioni alquanto depresse e depressive dell'"abbandonare ogni cosa": lo Zen non è una rivolta contro il mondo moderno. Vocativo...ci conosciamo?

    RispondiElimina
  12. grazie giovanni per la precisazione.

    non credo che tu conosca voc., ma credo che sarebbe bello che accadesse

    RispondiElimina
  13. si sente che ha letto il vangelo. però da lì a spacciarle per parole sue...

    è un po' copione 'sto *maestro* per dare lezione di umiltà.

    sì, lo so, sono antipatica.
    swan

    *

    RispondiElimina
  14. Leggo solo ora. Solo oggi, giorno del mio compleanno. Giorni "strani" e tu gugl caro puoi capire a cosa posso riferirmi, cose vecchie e nuove insieme, le mie solite.
    E' un tunnel. Tutto.

    Mi colpiscono molto, e anche questo è un gran bel dono, bellissimo. Commovente.

    RispondiElimina
  15. Dimenticavo: Ali, non mollare.

    RispondiElimina
  16. le cose, carissima rita, arrivano: basta saper riconoscerle.
    AUGURI BELLI!!!

    RispondiElimina
  17. Io ci provo ad ascoltare certi consigli, davvero, con tutta me stessa...

    RispondiElimina
  18. auguri rita! :-)))) antonella

    RispondiElimina
  19. Ehi, grazie Antonella cara :)

    ciao gugl, ciao Ali, Voc e Fab e Swan e tutti gli altri. Un saluto di sabato sera e una buona domenica per domani.

    RispondiElimina