domenica 11 giugno 2006

Oliveiro Girondo


Oliveiro Girondo è un poeta che ha segnato profondamente la mia formazione, in particolare questa poesia, che s’intitola “L’impasto”


Non solo
il floscio fondo
gli ebbri letti limi tellurici tra fanali seni
e i loro licheni
non solo il soligracido
le prefughe
il dispari sparito
l'approfondimento
il tatto incauto solo
i concordi abissi degli organi sacri dell'orgasmo
il gusto del rischio in germoglio
del rito nero all'alba col suo sgranchiarsi pieno di passeri
e neppure la brama
i sospiretti solo
né il fortuito diale fato
o gli autosondaggi in pieno plesso tropico
né le exloro in meno né l'indedalo
ma il vivo impasto il totale impasto pieno
il puro impuro impasto che mi riduce le calette la cuorcina
tesa le testarde viti femmine

l'impasto

l'impasto con cui aderì i miei ponti


Gina Maneri, nella sua tesi di laurea, scrive che Oliveiro Girondo (1891-1967) fu, insieme a Jorge Luis Borges, uno dei maggiori esponenti dell’Ultraismo argentino, movimento poetico sviluppatosi in Spagna intorno agli anni ’20, fondato dal poeta e traduttore Rafael Cansino Assens insieme a Guillermo de Torre, a cui aderì subito tutta una generazione di scrittori. I principi fondamentali dell’Ultraismo erano la rifondazione di tutte le avanguardie mondiali, la soppressione della punteggiatura, la rivendicazione del valore visivo – tipografico della poesia, la preferenza per le immagini indirette e duplici, secondo lo stile cubista, e la predilezione per l’umorismo. Questo movimento ebbe stretti rapporti con il Surrealismo”.

23 commenti:

  1. l'ostrabismo, cara! :D

    di questo qui non dici nulla, Stefano? intendo a proposito di parte della tua formazione.

    RispondiElimina
  2. certo, Viviani, si sa:-). ma di Girondo, meno.

    comunque tu parti favorito, visto che hai letto Logoshima:-)))

    RispondiElimina
  3. vero, stefano! Infatti non l'avrei mai detto se avessi letto il solo Come a beato confine.

    RispondiElimina
  4. però da come ho impostato questo blog, si potrebbe dire, no?

    RispondiElimina
  5. be', direi che lo si potrebbe dire soprattutto dai primissimi post, quelli sulla poesia visiva e dintorni.

    Un giorno ci sarà qualcuno che si sarà ispirato a Stefano Guglielmin...

    RispondiElimina
  6. a questa tua ultima mossa, mon ho una contromossa:-)

    RispondiElimina
  7. bella poesia, secondo me si vede che ne sei stato ispirato.
    per il resto te e Voc che vi capisce è bravo! ;)

    RispondiElimina
  8. CESARE VIVIANI da L'ostrabismo cara, 1973


    lo strale stanato e per scommessa

    l’ombretto bagnato nella fucina ho

    trovato piegata e piagata col liquido

    tuo giovereccio

    questa indemoniata o indemoniato

    non so che perché è stato più

    un balzo che altro, ecco perché

    assortivano molto le catenelle

    perché le bacche filtravano rosso

    e spingi e malta

    ti vedevano i lutti

    per questo col limote di un opossum


    non più belava esitata fusione

    il gelato il pelato ospite anziano

    distillato dal mosto

    quello tentato stasa per dire

    a quel punto ho visto quale era



    Cesare Viviani
    Poesie 1967-2002
    antologia, introduzione di Enrico Testa
    Oscar Mondadori

    RispondiElimina
  9. Intanto un saluto di dovere, anche se un po' in ritardo :)
    Poi questa poesia è una scoperta; ho sempre apprezzato le soluzione ricercate eppure ironiche.
    Dicevate di Viviani Cesare? L'ho scoperto recentemente e la sua è tra le opere che leggo più volentieri.
    Ciao
    Simone

    RispondiElimina
  10. oggi giornata pazzesca. è l'una e quarantaquattro di notte. leggo. scopro una cosa nuova. mi piace. vado a dormire.
    buonanotte, Ste'.

    RispondiElimina
  11. Ombramara: hai visto che hai capito il nostro idioletto? E poi hai scelto, Di viviani, una bella poesia. brava.

    Simone: grazie per il transito. fa piacere avere lettori e amici come te. Di viviani che cosa leggi? E' molto cambiato, infatti, negli anni.

    Fabry, sapere che tu, dopo 25 ore di lavoro, ancora hai la forza di venirmi a trovare, fa di te un santo. anzi un Santo! Però, e questa cosa tutti la pensiamo, anche saper dire di NO, a ciò che non è necessario, è segno di santità (vedi le agiografie:)

    RispondiElimina
  12. avevo scritto un messaggio, ma blogspot se l'è mangiato: se ne approfitta perché sto a dieta:-))

    RispondiElimina
  13. "saper dire di no a ciò che non è necessario"
    sei saggio golf
    "la fermezza di saper dire no quando è necessario"
    è un'altra e connessa perla di saggezza
    se frequentandoti cresco ancora, come hai detto da fabry, diventerò anch'io come Artur: smisurata :)))

    RispondiElimina
  14. ali, ma tu non sei già ovunque?

    Comunque sarei molto felice se alcune case editrici cominciassero a seguire con più attenzione Stefano Guglielmin e a dargli lo spazio che veramente merita (nonostante lui prediliga i margini, forse per tensione naturale), perché secondo me è molto più di un poeta da 7 + (tanto per riprendere una formula usata qualche tempo fa da Marco Merlin).

    RispondiElimina
  15. grazie Voc. 7+ la dicevano cochi e renato negli anni settanta:-)

    Ali, maturano anche le nespole:-)))) (scherzo eh!). Essere saggi, comunque, implica stare nella misura, sentirsi sempre al proprio posto e dunque, come scrive lao tze, non essere in pericolo.

    Rita, bel poeta Girondo, no?

    Fabry, a dieta? spero sia calibrata.

    RispondiElimina
  16. basata sulle intolleranze a grano e a uovo (non resta quasi niente:-).
    hai visto che italia? (ma lo erano scarsini:-))

    RispondiElimina
  17. fabry, intollerante al grano e all'uovo? accidenti! è dura!

    be', l'Italia è stata appena sufficiente: mi sa che i nostri (?) sono ancora indietro nella preparazione, un po' appesantiti; spero che con la Repubblica Ceca siano al 100% (USA permettendo, sabato prossimo)

    RispondiElimina
  18. direi che la difesa ha fatto acqua e l'attacco non l'ha trasformata in vino:-)

    RispondiElimina
  19. dobbiamo sperare che i ciechi non vedano la porta!:-))

    RispondiElimina
  20. beh, ma a noi non im-porta:-)

    RispondiElimina
  21. gugl, è una nazionale di calcio, non una comunità di beati!

    RispondiElimina