martedì 23 maggio 2006

bis

nel precedente post non c'è lo spazio per i commenti. provo con questo, così creo l'ospizio che serve:-)

13 commenti:

  1. Stefano, noto non solo che sei un intenditore di musica, ma che riesci a miscelare questa tua passione con l'altro tuo amore per le camminate in montagna:-)
    complimenti! (io vado solo ad addominali e ginnastica isometrica, oltre che, naturalmente, sollevamento preti e salto dei pasti!:-))
    un abbraccio
    fabry

    RispondiElimina
  2. Fantastica. Ho provato. Certo bisognerebbe farlo rilassati, a casa, nel silenzio delle 4 mura, e non in ufficio, incasinati e con il telefono che suona ogni 30 secondi. Però è forte.
    Intanto rifletto sulla musicalità delle parole, sulla cadenza, sul ritmo e su quanto di bello c'è nell'aria.

    RispondiElimina
  3. brava rita, la poesia è vita, non obitorio: bene che sia attraversata, come un colle, appunto, o un amante:-)

    Fabry, l'isometrica è simmetricamente faticosa?

    RispondiElimina
  4. ciao giuggiol (non so perché ti chiamo così, ma un mio amico dei colli euganei mi fece assaggiare il celebre brodo di giuggiole...)

    poesia visiva e performativa insieme, questa qui, visto che si tratta di una partitura per voci :)

    RispondiElimina
  5. ilgeniodimozart che non capisce un tubo? prova a recitarla: segno grosso: voce grossa; segno sottile: voce leggera. prova.

    brodo di giuggiole? qui nel veneto è la delizia per antonomasia.
    ciao babbavoc:-)

    RispondiElimina
  6. Una musicalità che incanta, indubbiamente :)

    RispondiElimina
  7. Un colle dove correre e rotolarsi sull'erba e un amante da tenere nascosto e coccolare ogni tanto...:P

    RispondiElimina
  8. singolare che le donne ascoltano la musica e si abbandonano ad essa, mentre i maschi si pongono domande:-)

    RispondiElimina
  9. perché babbavoc e non sfogliatellavoc? :)

    vero gugl, siamo di poveri fessi. ecco!

    ah una domanda, ma il gio. di ieri ha per caso a che fare con un "senza"? :)

    RispondiElimina
  10. Beh, non generalizziamo, Stefano...sia il sistema limbico sia lo spirito analitico sono unisex. :-)

    RispondiElimina
  11. è il passo della voce, timbro basso o alto oppur veloce, insomma un camminare e musicare insieme.

    di certo non ci si annoia ;)

    RispondiElimina
  12. Anna, magari la vecchia radice rettiliana ci accomuna, ma la corteccia superiore ha due emisferi: chiaro che quello femminile è il migliore:-)

    Voc, il gio di ieri, se non ho frainteso, è un altro gio, scrittore pure lui, che ho conosciuto da ritam, quando ho cominciato a frequentare queste taverne informatiche.

    Ombramara, no che non ti annoi, no che non ti annoi, non che non ti annoi non ti annoi non ti annoi:-)

    RispondiElimina